Cerca
nel Sito

Loading
 

 
La pianta in cima allo scoglio, che da secoli identifica il Lido di Palmi, era secca da ormai trent'anni
Scoglio dell'Olivarella alla Tonnara di Palmi:
il nuovo olivastro è in salute e cresce rigoglioso
 
 
l 16 giugno 2012 l'Associazione culturale palmese «Aura Loci per Aspera ad Astra», presieduta dall'avvocato Ferruccio Nicotra e molto attiva a Palmi su temi culturali, ambientali, sociali, dopo un lungo e minuzioso studio di «ingegneria ambientale» aveva messo in sicurezza la vecchia pianta, che è un vero monumento naturale ma che rischiava di sgretolarsi, mettendo a dimora un nuovo ogliastro. Il 16 giugno 2013, giorno del «primo compleanno» del'alberello, «Aura Loci» ha organizzato un corteo di barche per andare a «festeggiare» l'evento e, nel contempo, per andare a constatare lo stato di salute della nuova Olivarella. Un team di esperti è poi salito in cima allo scoglio per una attenta «visita di controllo» e il responso è stato assolutamente positivo: il giovane ogliastro è in salute e cresce forte e vigoroso. Il mito ultracentenario dello «Scoglio dell'Olivarella» della Tonnara di Palmi continua. Applausi.
   È stata una mattinata davvero emozionante, con un corteo di barche di tutte le dimensioni e con la gradita «scorta» di una motovedetta della Guardia Costiera e di una unità navale dei Vigili del Fuoco del Porto di Gioia Tauro. Guidato dal sindaco di Palmi dottor Giovanni Barone e dal presidente di «Aura Loci» avvocato Ferruccio Nicotra, il corteo nautico è salpato dal porto della Tonnara in una bella mattinata di sole e con un mare splendidamente cangiante dall'azzurro al verde al cobalto, raggiungendo lentamente «Scoglio dell'Olivarella», salutato dai bagnanti che già affollano le spiagge del Lido di Palmi. La professoressa Lilli Sgro, per l'occasione speaker della manifestazione, ha spiegato e illustrato tutte le fasi dell'operazione, sicché, grazie all'impianto stereo installato a bordo della barca ammiraglia, anche i bagnanti potevano seguirne lo svolgimento.
   Alla fine, prima di far rientro in porto, un'ultima chicca: la bravissima soprano Katia Riotto con la sua splendida voce ha deliziato tutti cantando due brani immortali conosciuti in tutto il mondo: «I' te vurria vasa'» e «Torna a Surriento», accompagnato alla chitarra dal M° Martino Schipilliti.
   Si è trattato, dunque, di un'autentica operazione culturale: un grande ed emozionante abbraccio simbiotico uomo-natura squisitamente naif e di grande impatto emozionale. Infine, l'«Operazione Olivarella» brillantemente portata a termine da «Aura Loci» ci propone un condivisibile insegnamento (perché questo evento va letto, anche, come una riflessione e un monito): amare, rispettare, preservare l'ambiente si può e si deve. Ancora applausi. (T.C.)
(Pubblicato il 17 giugno 2013)

Photogallery (clicca sulle foto per ingrandirle)

Guarda il video
 

Guarda il nostro Canale-Video Clicca MrTonicond's Channel


© 2013 Toni Condello - www.ilgiornaledellapianadigioiatauro.it - Mail: tonicond@alice.it

L'utilizzo dei contenuti di questo Sito è consentito solo per uso personale, senza comunque modificare, in tutto o in parte, i contenuti stessi.
Sono pertanto vietate riproduzione e divulgazione per scopi diversi senza preventiva autorizzazione.