Torna alla HOME PAGE 


Dura presa di posizione del presidente del Consiglio comunale Domenico Cento
a causa dei gravi disservizi riscontrati di persona al Pronto soccorso del nosocomio
 
Gioia Tauro, ospedale inefficiente:
chieste le dimissioni del direttore sanitario
 

Ho appreso questa mattina – con sdegno ma certamente non con stupore – che  presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale di Gioia Tauro ben cinque cittadini erano da ore in attesa di avere i risultati delle analisi per valutare la presenza di enzimi ( e quindi a fronte di un potenziale rischio di infarto) i cui prelievi erano stati inviati al nosocomio di Polistena, atteso che a Gioia Tauro non vi erano i reattivi necessari ad ottenere i responsi di laboratorio! Recatomi personalmente presso la struttura ospedaliera ho potuto constatare, oltre tale situazione, lo stato di assoluta incuria e degrado nel quale versa tutto  il giardino interno: cumuli di rifiuti ed erbacce, in spregio alle più elementari regole di igiene ma anche di decoro. Tale situazione è insostenibile: da mesi questa Amministrazione Comunale denuncia incessantemente lo stillicidio sanitario al quale sono costretti i nostri cittadini  e tutta la Piana di Gioia Tauro. E qui non stiamo parlando solo dei “viaggi della speranza” verso gli ospedali del Nord Italia, che ormai chiunque si trovi ad affrontare una situazione delicata  deve affrontare. A Gioia Tauro non si riesce a garantire neppure il soccorso primario in casi  di estrema urgenza: è successo qualche mese fa con un pedone vittima di un sinistro stradale costretto a ricorrere ai carabinieri dopo avere atteso per ore l’arrivo dell’ambulanza, succede oggi quando il laboratorio di analisi di un ospedale che opera in Pronto Soccorso e che – evidentemente – non ritiene l’infarto uno stato patologico al quale riconoscere   primaria considerazione, non è in grado di effettuare una semplice analisi del sangue e i cui risultati possono rappresentare la salvezza per una vita umana. Ora basta! Non siamo disposti a tollerare che l’inadeguatezza delle scelte amministrative commesse sino ad oggi costi la vita di uno dei nostri cittadini. Per questo ritengo che il Commissario Straordinario dell’ASP 5 , dott. Squillacioti, e il Direttore Sanitario dell’Ospedale di Gioia Tauro, dott. Mamone debbano presentare immediatamente le loro dimissioni: è un atto dovuto verso tutti i cittadini della Piana mortificati nella loro dignità e nel diritto sacrosanto ad essere tutelati nel valore fondamentale della salute. Non abbiamo bisogno di nuove tragedie per sentire la necessità di battere i pugni contro questa vergogna che – nell’indifferenza di tanti – è perpetrata sotto i nostri occhi. Non possiamo accettare, tutti i giorni, di raccogliere nel silenzio e nella rassegnazione le proteste accorate e drammatiche di chi ha bisogno di aiuto e non trova cure, assistenza dignitosa, sostegno sanitario. La nostra è una denuncia che non si fermerà certamente oggi. Ritengo infatti che il prezzo da pagare è troppo alto per consentire che continui il tempo delle promesse. Mi rivolgo pertanto a tutte le Autorità preposte, politiche e giudiziarie, affinchè si adottino concretamente tutti provvedimenti necessari a far sì che fatti vergognosi  come quelli di oggi non si verifichino mai più.

Gioia Tauro, 7.9.2011

Il Presidente del Consiglio Comunale: Domenico Cento     

 

Guarda il nostro Canale-Video

Clicca MrTonicond's Channel


© 2011 Toni Condello - www.ilgiornaledellapianadigioiatauro.it - Mail: tonicond@alice.it

L'utilizzo dei contenuti di questo Sito è consentito solo per uso personale, senza comunque modificare, in tutto o in parte, i contenuti stessi.
Sono pertanto vietate riproduzione e divulgazione per scopi diversi senza preventiva autorizzazione.