Torna alla HOME PAGE 

Pur con poche risorse disponibili, l’amministrazione
comunale è riuscita a regalare alla cittadina un cartellone
di spettacoli estivi di grande qualità

Grazie alla disponibilità degli eredi, aperte al pubblico
le storiche ville Misiti e Galluzzo, dove sono state organizzate
mostre d’arte ed esposizioni di artigianato locale di qualità
Applauditissimo concerto degli «Etnosound», un gruppo
di giovani talenti cinquefrondesi e della Piana di Gioia Tauro

 

di Toni Condello

iscopriamo l’orgoglio di essere cinquefrondesi»: così, con questo bellissimo incitamento, ha
concluso il suo intervento il sindaco Marco Cascarano durante il concerto degli «Etnosound» in
piazza Garibaldi, concerto che ha concluso in bellezza la giornata del 3 agosto scorso, dedicata al
tema «Cinquefrondi tra note, profumi e colori», organizzata dall’Amministrazione comunale in
collaborazione con la Mediateca Comunale «Pasquale Creazzo», l’Associazione culturale «Megale
Hellas» e il prezioso contributo dei giovani del Servizio Civile Nazionale. Una giornata ricca di
avvenimenti, ma soprattutto una giornata da incorniciare nell’album dei ricordi e della storia
cinquefrondese, perché per la prima volta il pubblico ha potuto visitare e ammirare le due bellissime
e antiche ville della cittadina: Villa Misiti e Villa Galluzzo (grazie alla cortesia e disponibilità degli
eredi delle due Casate), dove sono state allestite mostre d’arte ed esposizioni di artigianato locale di
qualità. L’impegnativa giornata tra storia, cultura e musica è stata inaugurata col tradizionale taglio
del nastro a Villa Misiti da parte del sindaco Marco Cascarano e degli assessori Carlo Misiti
(Politiche giovanili) e Anselmo Scappatura (Cultura e spettacolo). Quindi, il pubblico ha potuto
visitare la villa e le mostre, dimostrando grande interesse sia per l’una che per le altre. Lo stesso
avveniva poco più tardi a Villa Galluzzo, sempre nel centro storico cittadino.
L’intensa serie di manifestazioni si è conclusa alla grande con la bellissima serata di piazza
Garibaldi, presentata con la sua innata simpatia da Tony Galluzzo. Il sindaco Marco Cascarano e gli
assessori Carlo Misiti e Anselmo Scappatura, e il direttore della Mediateca Domenico Bellocco,
hanno voluto, nel corso dei rispettivi interventi di saluto al pubblico, mettere in evidenza il grande
lavoro che sta svolgendo l’amministrazione comunale per il decollo della cittadina, nelle sue
molteplici esigenze. Ci piace qui mettere in evidenza l’autentico impegno con cui sindaco e
assessori (tutti molto giovani, il che è sicuramente un grande vantaggio) si stanno muovendo, sulla
spinta del motto, come, ripetiamo, ha esplicitato il primo cittadino Marco Cascarano, «Riscopriamo
l’orgoglio di essere cinquefrondesi».
A questo punto c’è stato un momento di grande cultura, con il professor Gino Loria che ha
declamato con mirabile pathos alcune struggenti e impegnate poesie in dialetto del poeta
cinquefrondese Pasquale Creazzo (alla cui figura e memoria è intitolata la Mediateca comunale).
Infine, l’eccellente concerto degli «Etnosound», un gruppo composto da giovani di Cinquefrondi,
Polistena e Melicucco, con l’intelligente inserimento della danzatrice Francesca Cosentino, di San
Giorgio Morgeto. Un gruppo che ha incantato tutto il pubblico che ha affollato piazza Garibaldi, con
un delizioso programma di musiche e canti calabresi. Musica e canzoni calabresi che, quando
interpretate col giusto raziocinio, rappresentano una vera forma di espressione artistica. A me garba
molto ascoltare (anzi, ne sono un vero fan) le canzoni dialettali che racchiudono in sé musiche e
testi delle antiche e autentiche tradizioni popolari della nostra terra. Mi riferisco, per intenderci, alla
musica di Mimmo Cavallaro, dei «QuartAumentata», dei «Mattanza», e di pochi altri, la quale va
classificata come un vero e proprio movimento cultural-musicale «etno-calabrese». All’interno del
quale, dunque, possiamo certamente annoverare a pieno titolo gli «Etnosound», protagonisti del
concerto del 3 agosto scorso a Cinquefrondi. Ci è piaciuto molto, in questo concerto, scoprire la
grande abilità vocale del leader degli «Etnosound, Leonardo Bonavita, e poi la bravura dei vari
componenti: la vocalist Alessandra Ammazzagatti, Agostino Pronestì alla fisarmonica, Francesco
Papasidero al basso, i giovanissimi Angelo Franco e Antonio Varone ai tamburelli, Attilio Franco
all’organetto e Alì, un giovane bulgaro molto apprezzato alle percussioni.
Infine, ci è piaciuto constatare, ancora una volta, la vitalità e le sapienti e appropriate coreografie,
improvvisate sulle sue vibrazioni estemporanee con autentico senso artistico, della danzatrice

Il gruppo degli «Etnosound». Nella foto del titolo, l’ingresso di Villa Misiti.


Fotogallery (clicca sulle foto per ingrandirle)

     

 

     

     

 


Guarda e scarica i video
Clicca sul numero. Consigliamo di salvare i video sul computer e poi vederli con Windows Media Player.
I video sono di grande formato, 768x576, per questo motivo ci si impiega un po’ per scaricarli.
Per vedere i filmati in Tv, bisogna masterizzarli con un programma che garantisca la compatibilità DVD.

Video 01: Presentazione
Video 02: Inaugurazione e interventi di Domenico Bellocco
e degli assessori Carlo Misiti e Anselmo Scappatura
Video 03: Intervento del sindaco Marco Cascarano
Video 04: Poesia di Pasquale Creazzo recitata da Gino Loria

Concerto degli «Etnosound»
Video 05: Lu cantu di lu marinaru - Video 06: Mariola - Video 07: Nu servu e nu
Cristu - Video 08: Spagna - Video 09: Lu jocu di la palumbella - Video 10: Omaggio
ai Mattanza - Video 11: Passa lu mari - Video 12: Sona battenti - Video 13: Stidda
chiara - Video 14: Civitaredda - Video 15: Tarantella della seduzione
Video 16: Cicculatera e pettinissa - Video 17: Tarantella nova - Video 18: Mulinarella
Video 19: Tarantella (Strumentale, con ballo in piazza) - Video 20: Japri ssu barcuni
 

Guarda i video degli «Etnosound» sul nostro Canale-Video su

Clicca MrTonicond's Channel

 

©2010 Toni Condello - TauriaMia-Il Giornale della Piana di Gioia Tauro online - L'utilizzo dei contenuti di questo Sito è consentito
solo per uso personale. Sono pertanto vietate riproduzione e divulgazione per scopi diversi senza preventiva autorizzazione.