Torna alla HOME PAGE 

Il Commissario straordinario che guida il Comune gioiese
ha dato al Prefetto la disponibilità di un’area confiscata alla ’ndrangheta

Ospedale della Piana: ritorna in auge
la centralità di Gioia Tauro

Il terreno sarebbe ceduto a costo zero, naturalmente. Con grande
risparmio di denaro pubblico, perché per realizzare l’ospedale a Palmi,
dove da tempo se ne colloca la costruzione (e dove lo vorrebbe la Regione),
il suolo dovrebbe essere acquistato.
Ne dà notizia la Lista civica nazionale «Per il Bene Comune», i cui
dirigenti, Renato Bellofiore e Iacopo Rizzo, hanno accompagnato
il Commissario Domenico Galati in una visita all’Ospedale Giovanni XXIII
prima e al Centro per l’Impiego di Gioia Tauro dopo

  

a lista civica nazionale Per il Bene Comune esprime soddisfazione ed ottimismo per
l'attenzione dimostrata dal commissario Domenico Galati nei confronti delle esigenze sanitarie
della popolazione e nei confronti di problematiche che riguardano la sicurezza dell'intera Piana
di Gioia Tauro. In particolare la ricognizione di oggi all'Ospedale Giovanni XXIII e al Centro
dell'impiego, giunta dopo la richiesta avanzata da Pbc in un precedente incontro con i
commissari è un chiaro segnale di apertura verso la cittadinanza.
Per Renato Bellofiore, coordinatore regionale, di grande importanza nel fronte della
problematica mai sopita tra «Ospedale Unico» o «Ospedale Nuovo» sono le dichiarazioni
odierne del dott. Domenico Galati il quale ha ricordato che il Comune di Gioia Tauro aveva già
dato al Prefetto Zanini (delegato alla costruzione dell'Ospedale) tutta la disponibilità per la
costruzione dell'Ospedale Unico nei terreni confiscati alla mafia, ciò al fine di dare un segnale
forte di legalità oltre che esempio di come fare risparmio di soldi pubblici. Anzi il dott. Galati ha
precisato che la Commissione straordinaria del Comune di Gioia Tauro aveva comunicato al
Prefetto Zanini che qualora fosse stato utile avrebbe potuto pure scambiare il terreno
attualmente in uso alla Cooperativa Valle del Marro con terreni confiscati da assegnare.
Dopo tale primo ed ultimo incontro nessuna comunicazione ufficiale è pervenuta in merito alla
scelta delle aree. Per Bellofiore la disponibilità espressa dal Comune di Gioia Tauro, di
concedere terreni a titolo gratuito e dall'alto valore simbolico è l'unica strada maestra per
l'individuazione dell'area dove verrà costruito l'Ospedale Unico. Per Bellofiore, alla luce di
queste dichiarazioni, la segnalazione fatta dal Comune di Palmi all'Asp 5 e alla Regione
Calabria, di un suolo da acquistare in Palmi per la costruzione dell'Ospedale della Piana non è
stata l'unica segnalazione di disponibilità di terreni giunta al Prefetto Zanini, anche se
stranamente sino ad oggi è stato detto il contrario. A questo punto non si capiscono le logiche
che si stanno seguendo per la scelta del sito di Palmi.
Per Jacopo Rizzo, coordinatore di Gioia Tauro, la notizia ufficiale di un finanziamento di 220
milioni di euro per realizzare strutture strategiche sul territorio della Piana, su richiesta dei
Commissari straordinari dei Comuni ricadenti nell'area portuale, rappresenta un'occasione da
non perdere per poter integrare lo stanziamento di 63 milioni di euro per l'Ospedale della Piana
con ulteriori fondi per addivenire alla realizzazione di un Policlinico Unico all'avanguardia al
centro del territorio pianigiano.
Successivamente, il Commissario Galati si è recato con i responsabili di Pbc presso il Centro
per l'impiego di Gioia Tauro, ricevuto dal vice direttore dott.ssa Francesca Laganà e da
numerosi dipendenti ancora allarmati dalle voci per un possibile trasferimento degli uffici. A tutti
il dott. Galati ha espresso la volontà ufficiale del Comune di mantenere gli uffici presso il
presidio attuale anche facendosene carico direttamente qualora ciò dovesse risultare dovuto.

Nelle foto: il Commissario Galati e i dirigenti Pbc durante la visita all'Ospedale e al Centro per l'Impiego di Gioia Tauro

©2009 Toni Condello - TauriaMia-Il Giornale della Piana di Gioia Tauro online - Vietate riproduzione e divulgazione senza autorizzazione